23 maggio 2017

Scandal - Stagione 6

Mondo Serial

I fan sono una brutta bestia.
Parlo di quei fan che si accaniscono, che perdono la testa, che shippano e i focalizzano su un unico particolare.
Quei fan, sono quelli che le serie TV si trovano a dover accontentare, per andare avanti, per avere consenso.
E così, quella Shonda che solitamente dei fan se ne frega -diciamo- sacrificando pedine preziose dei suoi prodotti, in Scandal li ascolta, li ascolta fin troppo, e così facendo manda la serie a catafascio.
Già la stagione numero 6 non partiva sotto una buona stella, con Kerry Washington incinta, le riprese slittate, gli episodi ridotti, e la nostra eroina costretta in abiti mascheranti e mezzi busti.
Ma che il risultato finale fosse un pastiche in cui a mancare è la logica, non ce lo si aspettava.



E sì, è vero, una volta ingranata la marcia l'appeal resta lo stesso, la tensione è alta, di voler battere un nemico così odioso non si vede l'ora e si passa sopra a tutto, ma guardiamolo, quell'inizio a rilento, quel finale assurdamente posticcio, guardiamoli e apriamo gli occhi sull'assurdo.
Perché si è deciso di non farci godere di un altro po' di campagna elettorale, di Cyrus contro Mellie, di Olivia contro Cyrus? Chi lo sa, sta di fatto che siamo catapultati da subito alla notte dell'elezione, e in quella notte continuiamo a tornare ancora e ancora, da diversi punti di vista, dai più inutili (la moglie di Jake, che scompare poi nel nulla) ai più significativi (Abbie, strepitosamente malmessa) per cercare di capire chi e perchè ha sparato al nuovo Presidente.
Una volta trovata una risposta, inizia una nuova caccia, ci va di mezzo Huck, e non si crede che non sappia scovare un'altra volta una spia, non si crede che la sua squadra non lo sappia trovare subito, con il piano a cui avevo subito pensato io (io, dico, mica il capo dell'NSA), non si crede che non sappia salvarsi subito, provare altre vie di uscita e sopravvivere al tutto. Ma va bene, un po' di pathos, deve esserci, anche quando così mal costruito.


Ma questa stagione fa acqua in punti più essenziali, come la santificazione di personaggi che sono stati IL male, come se i loro nuovi fardelli, le ritorsioni, non siano giuste e giustificate, ditemi: lo ricordiamo ancora tutti il Cyrus senza scrupoli? lo ricordiamo tutti il Commando spietato?
Sì.
Olivia, Fitz, gli altri, no. Salviamoli, allora, portiamoceli ancora appresso, che male possono fare, eh? Eh.
E poi sì, eccoli qua i fan da accontentare, ancora e ancora, eccoli qua i fan che tutti questi difetti non li vedono, se ne infischiano di queste sbandate, perchè loro hanno occhi solo per gli "Olitz", basta uno sguardo fra i due, basta l'ennesimo ritorno di fiamma, un bacio appassionato nel finale, per farli sospirare di meraviglia. Che importa se la serie non gira attorno ai due, se nel mentre si è costruito altro, si è passato sopra a questo amore che già tante volte non s'ha avuto da fare?
Shonda, allora, li accontenta, li accontenta pure con un centesimo episodio "what if" che lascia il tempo che trova, un divertissment che male non fa.
La si ringrazia Shonda, però, per Mellie Grant, per quelle stoccate femministe e politiche sempre ben assestate, per dialoghi fulminanti, per una parte centrale che acchiappa come un tempo, come un guilty pleasure come si deve, nonostante il passato ingombrante messo da parte.
Ora, che si è deciso che tutto si chiuderà con la settima stagione, ora, che tanti cambiamenti sono nell'aria e la protagonista della serie non la si ammira più ma la si detesta apertamente, tutto è possibile.
Shonda, ti prego, stai fuori dai gruppi fandom.


6 commenti:

  1. Ho gli arretrati, e la voglia di mettermi in pari non c'è.
    Lo vedrò doppiato tra una cosa e l'altra, quando capita.
    Già la quinta stagione, dopo il recuperone di un paio di estati fa, mi aveva perso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio di certo non ti invoglierà a proseguire, per fortuna nella parte centrale con dei cattivi da sconfiggere, un po' di pepe c'è. Poi, si torna nel solito brodo. Fortuna che il prossimo anno è l'ultimo.

      Elimina
  2. Ma no! A me invece questa stagione è piaciuta.
    Sì, va beh, è illogica e assurda (anche se non quanto Twin Peaks 3) però il suo bello è questo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo illogica e troppo assurda, salvo la parte centrale bella tosta e bella tesa, e i discorsoni di Mellie, sempre più idola.
      Il resto, manco fosse Lynch ;)

      Elimina
  3. sono in pesantissimo arretrato da puntate di Scandal... quindi, ammetto di non aver letto bene bene il tuo post, per il terrore dello spoiler incombente
    però ad Olivia Pope sono particolarmente affezionata, lo ammetto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa stagione chissà se ti farà cambiare idea, io continuo a tifare Mellie ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...