31 agosto 2017

Venezia 74 - Under the Tree

C'è del marcio in Islanda.
Chi lo potrebbe dire, dietro facciate bellissime, dietro la natura incontaminata, si nascondono le più classiche tragedie familiari, e i più classici degli odi tra vicini.
Così è per due coppie, che vivono fianco a fianco, che però non si sopportano più. L'albero dei primi getta troppa ombra nel giardino dei secondi. Potarlo sembra richiedere troppo tempo, troppe energie, e soprattutto una richiesta di troppo da parte di chi non ha voglia di spostarsi al sole, e le scaramuccie presto degenerano.
Colpa di un passato non risolto, di un figlio che non c'è più e di uno che non vuole arrivare.


L'altro figlio, che già c'è, non se la cava meglio. Si masturba -o quasi- con un video dell'ex, la moglie non ci sta, lo caccia di casa, lo allontana dalla figlia. E lui che nemmeno la scomparsa del fratello ha saputo gestire, gestisce il tutto nel peggiore dei modi, con rabbia, violenza, paura.
Il dramma borghese, assume così i toni della migliore black comedy, dove le risate sono stiracchiate, sono seriose, si alternano all'incredulità di gesti, scherzi e tiri sempre più sinistri.
Arrivati al finale, dove il black viene sostituito dal rosso del sangue, quel marcio è ormai trapelato in tutto, e si resta increduli ed esterefatti, dalla degenerazione del tutto, guardando ora con sospetto vicini irritanti e pure donne difficili da gestire.
Con i colori cupi ma comunque pastello dell'Islanda più borghese, con la natura lasciata fuori e confinata in quel giardino, il film di Hafsteinn Gunnar Sigurosson ci mostra il nostro lato peggiore, e ancora una volta quanto è facile scatenare una guerra senza fine.

2 commenti:

  1. Black comedy dall'Islanda?
    Potrebbe essere una rivelazione molto positiva o molto negativa.
    Ma tanto all'infuori di Venezia credo che difficilmente avrà un'enorme distribuzione, quindi il problema di vederlo potrebbe non porsi nemmeno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto però qualche islandese ce la fa ad arrivare da noi, non si sa mai. Molto Black, qualche humour, ma vale la pena di vederlo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...