23 febbraio 2013

Re della Terra Selvaggia

Andiamo al Cinema.

Nello spietato mondo di Hollywood può succedere che un piccolo film, con una piccola, grande attrice e un regista esordiente arrivi alla notte degli Oscar. Può succedere perché quel film racchiude in sé tanti piccoli elementi che lo rendono delizioso e che lo fanno entrare nel cuore di chi lo guarda: una storia surreale e originale, una protagonista splendida, una colonna sonora emozionante, una fotografia bellissima e degli effetti speciali tutt'altro che banali che si inseriscono alla perfezione nella trama.
Questo film è Re della terra selvaggia, in corsa con ben 4 nomination agli Oscar che si terranno finalmente domenica e che riporta a quel cinema indipendente e casereccio, girato in 16mm e con attori non professionisti.


Il film è una sorpresa e vede al suo esordio Benh Zeitlin che trae dall'opera teatrale Juicy and Delicious il materiale per costruire attorno all'attrice di 9 anni Quvenzhané Wallis il suo lavoro.
Protagonista assoluta è infatti Hushpuppy, bambina in una baraccopoli sulle coste della Lousiana, dove l'apparente povertà è sopperita dallo spirito unico della sua popolazione: festosa e unita più che mai. Il padre, irascibile ma dal cuore d'oro al tempo stesso, la educa fin da subito al cavarsela da sola, e quando un uragano spazzerà via gran parte degli abitanti mettendo a repentaglio la vita stessa a Bathtub, Hushpuppy dovrà mettere in pratica quanto imparato. Il suo coraggio, la sua determinazione sapranno accompagnarla nella ricerca della madre e nell'affrontare in modo superbo la perdita del padre, malato di cuore.
Accanto a questa storia, come una metafora, si intreccia la lunga corsa, dal disgelo alle prateria, di alcuni Aurochs, cinghiali preistorici, animali giganti, che aumentano la magia del film e che fanno emozionare quando, inaspettato, incontrano Hushpuppy.
La magia in Re della terra selvaggia si incontra però ad ogni scena: il disordine, la sporcizia e la precarietà delle case di Bathtub creano un'ambiente unico che produce un sentimento tutt'altro che diffidente e restio nei suoi confronti. Così come la scena dell'incontro con la madre, che avviene in un atmosfera sognante e luminosa, e fa vedere come la costruzione delle inquadrature non sia mai banale o lasciata a se stessa, ma riesce a provocare un piccolo tuffo al cuore per la bellezza che sa emanare.


Ma c'è poco su cui discutere, il centro incontrastato del film è Hushpuppy/Quvenzhané Wallis.
E' lei la vera regina del film. La sua naturalezza, la sua bellezza e la sua simpatia conquistano al primo sguardo, la sua voce che accompagna fin dall'inizio il film, scandisce tempi e riflessioni. E sarebbe davvero un sogno vederla, lei, la più giovane mai candidata, vincere l'ambita statuetta domani notte!




17 commenti:

  1. Film stupendo, e lei fenomenale.
    Domani notte tiferò spudoratamente per loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio cuore è diviso, questo, Amour, Argo... In ogni caso la piccola Q. la statuetta se la meriterebbe!

      Elimina
  2. bomba totale, un capolavoro delizioso

    RispondiElimina
  3. Hushpuppy for president...io alle politiche voterò per lei!

    RispondiElimina
  4. grande film, grande hushpuppy, ma la statuetta è solo per jessica o jennifer! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Jessica ci sta... Jennifer preferirei vederla premiata per un altro film vista la concorrenza migliore!

      Elimina
  5. Uffi uffi uffi...mi sto perdendo troppo per colpa di tutti i miei impegni! Ciao Lisa, grazie per la dritta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho recuperato giusto per l'Oscar perchè è stato distribuito in pochissime copie... Se riesci, meglio la versione originale che il doppiaggio italiano non è un granchè!

      Elimina
  6. A quanto vedo sei rimasta incantata ... andrò a vederlo mercoledì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì! Hushpuppy è diventata la mia eroina :)

      Elimina
  7. speriamo,allora.Anche se un bis della mia Kathryn...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Kathryn ha ottime possibilità anche quest'anno! E mi sa che la Jessica la spunterà...

      Elimina
  8. boh, bel film, ma più che altro mi è sembrato una mezza furbata alla "Into the wild".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Into the wild era tutt'altra cosa, qui si parla di una piccola produzione con esordienti e non professionisti che passando per il Sundance è riuscito a sfondare grazie alla magia e alla poesia che racchiude!

      Elimina
    2. Il mio riferimento alla pellicola di Penn era una questione più ideologica che altro. Molto belle le frecciatine sull'occidente civilizzato e iperindustrializzato, ma sinceramente credo che a un certo punto la realtà stia nel mezzo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...