24 gennaio 2016

Maicol Jecson

Al grido di: "Non solo Quo vado?", noi blogger ci siamo riuniti oggi per parlare di film italiani, di ieri e di oggi, che una maggiore visibilità la meriterebbero, di film che nel loro piccolo, e nel loro grande, ci hanno reso un po' più orgogliosi della nostra patria.
A tenere a mente questo obiettivo, forse era meglio non far ricadere la scelta su un film che piccolo è piccolo, appartiene a un passato prossimo ("uscito" nelle sale nel luglio 2014, ma effettivamente mai arrivato al grande pubblico) ma che nonostante la buona volontà di cast e regia, scivola un po' troppo spesso nella confusione.
Ma visto che siamo qui a celebrare il cinema nostrano, mettiamo da parte dubbi e titubanze, guardiamo a quanto si è raggiunto, ai lati positivi.


Il primo, è quello di avere una commedia indie, in stile Sundance, tutta italiana.
Dalla voce fuori campo ai personaggi strampalati, dai fermo immagine strategici alla fotografia pulita e geometrica fino a una colonna sonora firmata dagli altrettanto indipendenti Amari, tutto richiama quelle commedie, spesso  romantiche, che dall'oltreoceano conquistano la sottoscritta.
Qui però siamo in qualche zona dell'Italia, siamo in un quartiere borghese quanto basta e conosciamo Andrea, pronto finalmente ad affrontare la fatidica prima volta.
E non una prima volta qualsiasi, la prima volta con la ragazza più bella della scuola.
Possibilità di fallire non ce ne sono: i genitori sono partiti per le vacanze, lo credono al camposcuola, la casa è libera, se non fosse per Tommaso, il suo fratellastro patito per Maicol Jecson che come lui si veste e come i suoi figli si nasconde dietro a maschere.
Come liberarsene?
Gli amici del parco skate non ne vogliono sapere, la migliore amica di sempre nemmeno, forse, però, se lo si lascia da solo in un ospizio Tommaso troverà un nonno ad accudirlo.
Ed è così che il piano imperfetto di Andrea si schianta, con Cesare che si presenta in casa, convinto di essere davvero il loro nonno, e prende in mano la situazione.
Per arrivarci, a quella prima volta, passeranno diverse notti e diverse disavventure, imbarcandosi in un road trip surreale, dove tra pillole blu, alienisti e morti improvvise, a cambiare davvero non sarà Andrea alle prese con il sesso, ma Andrea alle prese con un fratello che mai considerava.
Merito di un misterioso nonno, che come arrivato se ne va, lasciando il segno.


A metà strada tra un Little Miss Sunshine e un American Pie più edulcorato e innocente, Maicol Jecson ha dalla sua un parterre di personaggi niente male, guidati dal protagonista sveglio e hipster quanto basta, ma surclassati da un Remo Girone la cui voce da sempre mi affascina, che qui non nasconde la sua vecchiaia, ma ne fa sfoggio in modo divertente.
Certo, di scivoloni come si diceva ce ne sono, a partire da una trama che si perde e si fa confusa, svolta verso il road movie, aumentando le tappe e i personaggi, e finendo anche troppo bonariamente.
Il tentativo di copiatura riesce quindi solo in parte, ma almeno si sente, si percepisce, la volontà di rimanere genuini, senza strafare.
E la visione scorre, godibile e divertente, dimostrando che nella botte piccola sta il buon vino, magari non così tanto da potersene ubriacare, ma quanto basta per un aperitivo come si deve.


La festa italiana continua anche negli altri blog, fateci un salto:

Solaris: Io sono l'amore
White Russian: Non essere cattivo
Pensieri Cannibali: Non essere cattivo
Director's Cult: Il volto di un'altra
Mari's Red Room: Shadow
Non c'è paragone: Basilicata Coast to Coast
Bollalmanacco: Almost Blue
Delicatamente perfido: Italiano medio


21 commenti:

  1. Ah, mica male la tua proposta, forse quella che, a pelle, mi ispira di più.
    Sì che qualcosa delle altre proposte l'ho vista già, ma non influisce sull'impressione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una proposta fresca e poco conosciuta, felice di averti ispirato :)!

      Elimina
  2. Molto carino, ma io ti straconsiglio Short Skin. La vera commedia indie all'italiana ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm... Di Short Skin ho letto commenti entusiasti come il tuo e altri che lo massacravano... Mi fido?

      Elimina
    2. Non che mi abbia entusiasmato nel senso stretto del termine, ma per me sentiremo parlare del regista. E' un giovane, nuovo Virzì. Un tema pruriginoso, ma ne esce fuori una commedia pulitissima e onesta. Meritevole davvero.

      Elimina
  3. Una commedia carinissima, un protagonista molto buono e anche la protagonista, mica male! Ottima scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! In realtà su tutti ho apprezzato Remo Girone e la sua voce impostata che ogni volta mi affascina ;)

      Elimina
  4. Per me un piccolo quasi cult.
    Però va goduto d'estate col ventilatore sparato in faccia e un ghiacciolo in mano, d'inverno non rende al massimo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A saperlo rimandavo la visione! Non mi stupisce il tuo apprezzamento, anche se per me di scivoloni nel mezzo e nel finale cr ne sono stati troppi...

      Elimina
  5. Considerato che, purtroppo, sono d'accordo con Cannibal rispetto alle visioni estive e invernali, aspetterò per recuperarlo. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio aspettare sì, c'ha ragione: il caldo può fare la differenza anche nell'effetto nostalgia verso certe estati di gioventù;)

      Elimina
  6. A me non ha convinto: l'idea non è male però la sceneggiatura è inconsistente (sarebbe bastata per un cortometraggio) con scimmiottamento di film indie tipo Miss Sunshine con un risultato finale molto lontano dai modelli originali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ha convinto del tutto nemmeno me, si pate bene, i personaggi sono piacevoli ma ci sono troppi pasticci nel mezzo e nel finale. Forse sì, si vuole troppo e troppo si imita, comunque almeno ci si diverte.

      Elimina
  7. Questo, davvero, non l'avevo mai sentito! Ma se te ne parli così... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film piccolo piccolo, che nel suo piccolo sorprende però é anche vero che il cinema italiano ha sfornato di meglio ;)

      Elimina
  8. Mi sa che è un bel film, piccolo ma con grandi idee! Aspetterò anche io l'estate per godermelo meglio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista l'influenza indie da cui arriva, potrebbe davvero piacerti.. Ma aspetta il sole, il caldo e l'afa, te lo faranno vedere meglio :)

      Elimina
  9. Remo Girone, l'ho sempre adorato. Motivo in più per recuperare questo film! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui vecchino e buffo é ancora più adorabile! Nonostante qualche dubbio, solo per lui il film merita la visione :)

      Elimina
  10. Sono sempre MOLTO poco informata sull'Italia, questo film nemmeno lo avevo mai sentito nominare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordavo vagamente il trailer, ma solo grazie alla lista di Alessandra mi é tornato alla mente! Queste iniziative fanno sempre bene alla memoria :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...