23 dicembre 2017

Happy End

Andiamo al Cinema

Ultima recensione dell'anno, qui su In Central Perk.
E non si può che chiudere con un lieto fine.
Come, il lieto fine l'ha scritto Haneke?
E il tutto sembra quasi un ossimoro, come a dire che no, "lieto fine" e "Haneke" nella stessa frase non possono stare?
Effettivamente...


Happy End parla di una famiglia tutt'altro che felice.
Georges (sì, stesso attore -l'immenso Jean-Louis Trintignant- e stesso nome del protagonista di Amour, e non è l'unico punto in comune) è ormai anziano, con vuoti di memoria e di attenzione, e vorrebbe felicemente andarsene a modo suo.
La figlia Anne (sì, stessa attrice -la magnifica Isabelle Huppert- ma nome diverso di Amour) è costretta a tornare a casa per badare al padre ma anche all'impresa che vorrebbe lasciare a suo figlio, uno di quei figli viziato, abituato a non faticare per guadagnare, e dal carattere iroso reso ancor più iroso dall'alcool.
Il figlio, Thomas, ha appena avuto un figlio dalla nuova compagna, ma l'amore, tra i due che fanno le ore piccole davanti lo schermo di un computer, chissà se c'è.
A sconvolgere la tranquillità famigliare -si fa per dire- è l'arrivo di Eve (una Fantine Harduin da tenere d'occhio), prima figlia, del primo matrimonio di Thomas, dopo che la madre è andata in overdose di farmaci depressivi.
Ma noi sappiamo che la verità è un'altra, e che un po' fa paura.


Michael Haneke, classe 1942, ce la mostra attraverso lo schermo di un telefonino. Mostra una giovane annoiata e arrabbiata, in cerca di amore e attenzioni. Ci mostra youtuber, ci mostra video e chat, ci mostra la dura vita di oggi, con il cinema da camera che fa i conti anche con i mezzi che quella camera un po' la aprono all'esterno, rendendola però più piccola e claustrofobica.
Inquadra questa famiglia, imperfetta, infelice, a tratti egoista, a tratti solo stanca, e lo fa come c'ha abituato.
Camera fissa, silenzi glaciali, pochi quadri, poche scene, una villa da invidiare, una spiaggia in cui respirare, e infine un ristorante dove i nodi vengono al pettine.
In ogni quadro, un pezzo di mondo cerca di entrare.
Che siano semplici notizie sportive, che sia l'ennesimo dramma politico o la realtà stessa, lì, nella Calais della "Giungla", con i migranti a interrompere un banchetto.
Ma la realtà, questa famiglia  impegnata a soffrire e disfarsi, non la sente.
Non vede campanelli d'allarme, non indaga su quegli schermi, su quell'alcool, su quel volersene andare.
E il lieto fine, che in fondo è quello che ci si sceglie, sembra davvero l'unica conclusione possibile.
Anche se lieto fine, in versione Haneke, significa qualcosa di freddo e glaciale, ma comunque tagliente, comunque difficile da ignorare.


Regia Michael Haneke
Sceneggiatura Michael Haneke
Cast Isabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, 
Mathieu Kassovitz, Fantine Harduin

4 commenti:

  1. Io non capisco, sinceramente, come a Cannes hanno potuto fischiare questo film... certo, non sarà un capolavoro come "Il nastro bianco" o "Niente da nascondere", o come "Funny Games", ma non si possono girare sempre capolavori. "Happy End" è un buon film che merita rispetto, il cui unico difetto è quello di essere già visto (per chi conosce l'autore). E' in pratica la summa perfetta dell'Haneke-pensiero: l'ennesima critica a una società benestante egoista e bigotta, votata all'autodistruzione, talmente presa dalle sue faide interne da trascurare i veri drammi della vita (i migranti, che si vedono in una sola ma fondamentale scena). Avercene di autori come Haneke...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo dei fischi, per fortuna, così da godermi il film ancor più senza preconcetti. Che sì, è il solito Haneke, ma è un Haneke tagliente a cui non si può restare indifferenti. Avercene davvero!

      Elimina
  2. Un buon modo per chiudere l'anno con le rece, anche se io mi sa non riuscirò a recuperarlo prima della fine del 2017.
    E ora vai di classifiche! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Happy End molto alternativo, e decisamente poco Happy ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...