20 luglio 2013

Rapunzel

E' già Ieri. -2010-

Credo che, tempo permettendo, diventerà un appuntamento fisso dell'estate quello di parlare di film di animazione di sabato. Un po' perchè così recupero gli arretrati -che sono parecchi-, un po' perchè con il caldo imperante, un po' di freschezza e leggerezza fa sempre bene.


Scartato alla sua uscita, Rapunzel sembrava ai miei occhi un ritorno al classicismo per la Disney, a storie di principi e principesse riprese dalla letteratura.
A sorpresa invece, il film pur raccontando (anche) una storia d'amore a lieto fine, ha per protagonista una principessa che non sa di essere una principessa e che è stata rinchiusa per ben 18 anni in una torre dispersa con come unici compagni quella che ritiene la madre e un camaleonte buffissimo.
Il gran segreto per cui Rapunzel si ritrova lì rinchiusa è la sua lunghissima chioma che ha il potere di guarire e far ringiovanire, la "madre" l'ha quindi rapita alla sua nascita per usarne il potere e rimanere sempre giovane, inculcandole l'idea che il mondo sia un posto pericoloso pieno di bruti e mostri pronti a tutto pur di impadronirsi del suo potere.
Ma all'età di 18 anni Rapunzel è stanca di rimanere rinchiusa, vuole conoscere il mondo e sopratutto vedere per una volta da vicino la cascata di stelle che ogni anno avviene il giorno del suo compleanno -come intuendo che il tutto sia legato a lei, e infatti la cascata in questione è organizzata dai suoi genitori reali in onore e commemorazione della principessa perduta.
Pronta quindi alla fuga, troverà nel furfante Flynn Rider il suo maestro, fascinoso e provolone, il ragazzo cercherà di ingannarla in modo da fuggire con la corona appena rubata dal castello reale, ma da subito una strana alchimia si instaura tra loro. Partono così per un lungo viaggio in direzione della capitale, dove tra fughe impossibili, inseguimenti e agguati, impareranno a conoscersi.


A differenza delle sue antesignane, Rapunzel è una principessa moderna, capace di cavarsela da sola -grazie a una forte padella- e di inseguire il suo sogno con tutte le forze. Spaventata ma allo stesso tempo attratta dal mondo vero, è riuscita a non impazzire nei duri anni della segregazione coltivando la speranza di, un giorno, uscire.
Ecco quindi che la sua fuga diventa qualcosa di divertente, di buffo. Il suo relazionarsi con gli altri in modo ingenuo e anche un po' naif ha il potere di catturare e ammaliare, vedasi la surreale scena di canto con i furfanti.
Grazie a questa speciale principessa la Disney fa colpo e risolleva le sue sorti, svecchiandosi e mettendosi al passo con i tempi senza per questo rinunciare a un po' di classicismo dove trovano di nuovo spazio anche i momenti canori tipici della produzione anni '90. Anche l'inevitabile storia d'amore si fa più attuale, con lei che salva lui dai numerosi pericoli. Non manca quindi un po' di commozione finale anche se a farla da padrone è questa volta l'azione rocambolesca e la creazione di personaggi comici -oltre ai già citati furfanti  e il camaleonte- dove un posto d'onore va a Maximus, il cavallo segugio.
Realizzato in modo sopraffino in computer grafica con una luminosità calda e bellissima, Rapunzel ha quel sapore unico in cui moderno e classico si mescolano in modo perfetto.


Al film ha fatto seguito un cortometraggio altrettanto spassoso:



12 commenti:

  1. Che film, anche se cantano mi è piaciuto tanto e con Mulan entra nella classifica delle principesse cazzute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizialmente ho storto anch'io il naso per le canzoni ma poi mi ha conquistata!

      Elimina
  2. Ero scettico, ma poi mi sono ricreduto molto sul film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici! Ce l'ho avuto in attesa per anni!

      Elimina
  3. Il film è carinissimo il corto invece non lo conoscevo perciò grazie perchè mi ha fatta sorridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ringrazia wikipedia :) Una bellissima scoperta anche il corto!

      Elimina
  4. L'ho visto su costrizione della morosa, e devo dire che mi è piaciuto, pur non essendo il genere di animazione che preferisco. La canzone sui sogni segreti dei briganti è fantastica XD
    Poi mi dicono che io somigli a Flynn Rider O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I briganti sono in assoluto la mia parte preferita!!

      Elimina
  5. L'unico classico Disney che ho visto da dopo Il Gobbo di Notre Dame. Non male, ma se non ci capitavo per caso, non l'avrei mai mai visto! :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, eri rimasto parecchio indietro! Dai che pare che la Disney si stia lentamente riprendendo.

      Elimina
  6. visto al cinema con i bradipini ne serbo un ottimo ricordo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora capisco perchè i miei cuginetti lo adoravano! Veramente adatto a tutti!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...