9 luglio 2013

Breaking Bad - Stagione 1-2

Quando i film si fanno ad episodi.

L'estate è magra in quanto a nuove proposte televisive interessanti? Meglio così!
Già, dopo il grande recupero di Fringe dello scorso anno, questi mesi prevedono il recupero di due serie che chiuderanno i battenti a breve. Di Skins si è già parlato la settimana scorsa, oggi invece mi concedo a un duo che in poco tempo è diventato cult, e che in molti già piangono.


Breaking Bad fa il suo esordio sul piccolo schermo 5 anni fa, diventando da subito seguitissimo. La chimica non è mai stata così interessante e la sua applicazione più illegale. La storia è infatti quella di un professore liceale la cui vita è parecchio deprimente: la moglie 40enne è inaspettatamente incinta, il primogenito è nato con una paresi cerebrale, il cognato -investigatore della DEA- non fa altro che pavoneggiarsi e i suoi vecchi soci si sono arricchiti con un'idea progettata assieme. Come se tutto questo non bastasse, a Walter White viene diagnosticato un cancro ai polmoni in stato avanzato.
La goccia che fa traboccare il vaso lo porta a riflettere e un fortuito caso lo rimette in contattato con uno dei suoi ex studenti peggiori, Jesse Pinkman, portandolo alla rischiosa decisione di iniziare a produrre metanfetamina assieme in modo da avere qualcosa da lasciare alla sua famiglia.


La prima stagione, di soli 7 episodi, segue l'evoluzione di Walter, da professore parecchio sfigato a Heisenberg, nome fittizio per rivendere la droga, e assieme a lui si conosce meglio Jesse, il suo passato da teppistello e i suoi tentativi di farcela. Con la seconda si assiste al cambiamento non proprio in meglio di Walter, sempre più distante da una famiglia che sembra opprimerlo e sempre più interessato a racimolare quanto basta per rendere tutti felici, vivendo in attesa della morte più che godendosi i giorni felici. A cambiare è anche il suo rapporto con Jesse, autoritario e inflessibile ora che il gioco si è fatto più duro e il loro prodotto e sulla bocca di tutti. Il finale amaro di una stagione che conta ora 13 episodi, vede quanto oltre Walter si sta spingendo pur di realizzare il suo piano, e quanto ora ha perso quanto tutto sembrava andare per il meglio.
Il tutto è raccontato con un ritmo lento, a volte troppo, ma lasciando spazio a momenti inevitabilmente comici  e altri più riflessivi. Quando la droga la si vede dall'altra parte, non più nei laboratori improvvisati o mobili, la realtà e le conseguenze di questa bussano alla coscienza. Ma Breaking Bad va oltre il moralismo, e riesce a catturare lo spettatore grazie a un sapiente dosaggio della trama.
In attesa che l'11 agosto tutto ricominci per l'ultima volta, io continuo il mio recupero!

8 commenti:

  1. Non uso spesso questa parola e non sono un grande appassionato di serie TV ma: C-a-p-o-l-a-v-o-r-o. Scritta, recitata, diretta da Dio. E diventa migliore di serie in serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero proprio di darti ragione, a breve sul mio pc la terza stagione!

      Elimina
  2. Una delle serie più incredibili della Storia della tv.
    La terza e la quarta stagione sono due Capolavori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fai crescere la mia ansia! Appena finisco con Skins mi ci ributto!

      Elimina
  3. Dannazione, volevo dirlo io CA-PO-LA-VO-RO ma mi hanno anticipato... un motivo ci sarà.
    Questa serie è veramente favolosa, e vedo che anche tu sei rimasta colpita dal finale cinico e inaspettato (oltre che splendidamente giostrato col flash-forward dell'inizio) della seconda stagione, una vera doccia fredda rispetto a quello che succedeva prima e che poteva quasi essere interpretato come un inno alla droga.
    Non sono troppo d'accordo sulla lentezza del ritmo: certe sequenze da videoclip mi hanno infastidito. Ma posso benissimo confondermi con qualche stagione successiva.
    Tra l'altro ho visto l'attore protagonista in un'intervista: per Breaking Bad lo hanno imbruttito e invecchiato in maniera superba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritmo è lento rispetto ad altre serie che seguo e che vanno sparate, qui ci sono parecchi attimi -volutamente- "morti" e la prima stagione ci mette parecchio per ingranare e sviluppare la trasformazione di Walter.

      A me continua a impressionare che Walter sia il papà di Malcom, ancora non ci credo.

      Elimina
  4. Purtroppo devo recuperarlo... ne ho sentito parlare, ma non l'ho praticamente mai visto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agosto è vicino, ma puoi fare ancora in tempo :)!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...