26 luglio 2013

Kevin Spacey Day - K-PAX


Le menti creative della blogosfera si sono riunite ancora una volta in un lungo conciliabolo. Dopo giorni e giorni di clausura, dopo lotte all'ultimo sangue e all'ultimo voto, solo due nomi erano ancora in piedi: Sylvester Stallone e Kevin Spacey.
Due attori agli antipodi, due fisicità contrapposte.
Come si può ben capire dal titolo di questo post e dal meraviglioso banner qui sopra, ad averla vinta è stato Kevin "FacciaDaSberle" Spacey che grazie alla sua FacciaDaSberle ha saputo incassare uno dopo l'altro i colpi di Sly.


Dopo questa vittoria trionfale, è buono e giusto festeggiarlo come si deve!
Kevin è un attore di quelli seri, di quelli a cui basta uno sguardo a far capire il loro peso (e in House of Cards il nostro ne fa un uso sopraffine) e che giustamente negli anni è stato insignito di nomination e premi vari (tra cui 2 Oscar) e citato perfino dal Capa.
Per il suo compleanno ho deciso di andare a pescare un filmino di cui un tempo tanto si parlava, non certo il migliore della sua carriera anzi -messo a confronto con American Beauty è fuffa- ma comunque un film che vive in stato di grazia grazie a Kevin.
Il nostro interpreta un uomo convinto di provenire dal lontano pianeta K-Pax, arrivato dal nulla e prontamente internato in un istituto psichiatrico. Qui viene in contatto con il professor Mark Powell (interpretato da quel drugo di Jeff Bridges, per l'occasione sbarbato e ripulito) che rimane affascinato dal caso e tentenna all'idea di trovarsi realmente davanti ad un alieno.
Prot è infatti speciale, non solo presenta caratteristiche fisiche sovrumane (capacità visive/resistenza ai farmaci) ma anche una conoscenza specifica e approfondita del quasi sconosciuto pianeta dal quale dice di provenire. Il suo carisma poi -e qui tutta la dote di FacciaDaSberle di Kevin gigioneggia- è contagioso e irresistibile. Prot conquista poco a poco tutti i pazienti dell'istituto, cercando di guarirli e, in alcuni casi riuscendoci pure.
Ma al professor Powell non gliela si dà a bere, e per questo continua imperterrito a cercare di capire chi veramente sia Prot, da dove venga e cosa gli sia successo. Per far questo non solo dimentica e accantona la famiglia, ma le prova tutte, compresa l'ipnosi.
E così si arriva a sciogliere tutto questo ingarbuglio, che, come dice Powell, forse era meglio non scoprire. Ma più di qualche dubbio sulla vera natura di Prot resta eccome, e la speranza/follia che si possa trattare veramente di un alieno non si affievolisce.
Il mio dilungarmi a lungo sulla trama, è un modo per far capire che K-pax si regge tutto su questa. La regia (del francamente poco conosciuto Iain Softley) come gli altri aspetti tecnici non sono certo dei migliori né sono memorabili. Ma la curiosità e la bravura di Spacey riescono a fare della pellicola un titolo comunque interessante, in cui l'attore ha modo ancora una volta di mostrare le sue doti.
Per finire due grosse curiosità:

1- Proprio alla fine, ma niente spoiler, promesso, compare in un cammeo niente meno che il signor Pinkman di Breaking Bad
2- La partenza fissata da Prot per tornare nel suo pianeta è... il 27 luglio, ovvero domani, ovvero il giorno dopo il compleanno di Kevin.


Detto questo, in alto i calici, e festeggiate la vittoria di Kevin su Sly anche con gli altri amiciblog:

50/50 Thriller

Cinquecentofilminsieme

Combinazione casuale

Cooking Movies

Director's Cult

Ho voglia di cinema

Il Bollalmanacco di Cinema

Montecristo

Pensieri Cannibali

Scrivenny

Triccotraccofobia

Viaggiando (meno)

White Russian Cinema

22 commenti:

  1. Non ho visto questo film. Come molti altri con Kevin Spacey. Perchè lo sto festeggiando allora????
    Buon Kevin Spacey Day!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè è un signor attore con una signora FacciaDaSberle :)

      Elimina
  2. Carino ma niente di che. Un film che cavalca alla perfezione la moda new age e quella di alieni e cose così. Buon KSD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aspettavo un po' di più anch'io, ma non mi lamento va!

      Elimina
  3. Ce l'ho lì in cassetta da anni e ancora non l'ho visto. Devo rimediare!! Buon KSDay!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In cassetta?!? Addirittura... io lo vedevo spassare spesso in tv e stavolta ho colto l'occasione!

      Elimina
  4. Pure questo mi manca.
    Buon KSD :)

    RispondiElimina
  5. L'ho visto tanto tempo fa e lo ricordo poco.. non mi aveva entusiasmato però, forse perché queste storie pseudoaliene fanno fatica ad appassionarmi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo per Kevin (e anche un po' per Drugo) mi sono lasciata conquistare!

      Elimina
  6. kevin spacey e sylvester stallone sono due attori agli antipodi perché il primo è un attore e il secondo no uahahah :D

    quanto a k-pax, pure io lo ricordo come un film dal buon potenziale, ma non girato proprio alla grandissima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo pensato di scrivere la stessa cosa ma poi ho preferito il politically correct per i nostri avversari :)

      Elimina
  7. Risposte
    1. Perfetto per una serata di disimpegno, anche se di migliori ce ne sono!

      Elimina
  8. non mi è mai venuta voglia di vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho resistito anch'io anni e anni! Fortuna che è arrivato il KSD!

      Elimina
  9. Certo che il personaggio poteva evitare di chiamarsi come l'onomatopea di un peto... :-p Ma tant'è, come visione estiva cazzeggiona ci può stare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! In realtà, senza svelare troppo, il nome è un bell'indizio per capire chi è :)

      Elimina
  10. Non mi ha mai attratto troppo, questo film, ma tra quelli recensiti oggi è uno dei primi che recupererei.

    Intanto buon Sly-Day mancato! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, altro che Sly Day, Kevin regna!

      Elimina
  11. Film grazioso ma nulla di più, mi è sempre rimasto il dubbio che il grosso della trama sia stato preso da un romanzo di fantascienza molto bello "Oi Paz". L'alieno del libro chiamava il riso (inteso come il ridere): "il rumore incongruo". Mi è sempre sembrata una definizione bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello del film - a parte Kevin- era il suo approcciarsi agli umani e al loro cibo. Mai sentito il libro, mi informo :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...