21 luglio 2017

Ethel & Ernest

E' già Ieri -2016-

È una storia semplice quella di Ethel e Ernest, la storia di due non così giovani che si innamorano, che trovano nell'altro quell'anima gemella che non credevano possibile, per un caso fortuito, per un panno sventolato al vento e un percorso scritto per andare a lavoro.
Così si conoscono, e in tempi in cui il fidanzamento dura poco e poco prevede, si sposano, comprano casa, fanno un figlio, uno solo, e con difficoltà. Quel figlio cresce, con tutte le difficoltà del caso e dell'adolescenza, cresce e finisce per appassionarsi all'arte, mentre lei, Ethel, fa la casalinga che tutto commenta e tutto vuole perfetto, e lui, Ernest, lavoratore instancabile, tutto ripara, tutto legge, laburista convinto com'è.
È una storia semplice, sì, e vera soprattutto.
La storia di una famiglia che non ha nulla di speciale, ma proprio per questo speciale lo è.


A raccontarla, quel figlio appassionato d'arte che con la graphic novel omonima ha vinto nel 1999 il British Book Award, a dar voce ai suoi genitore, e a lui stesso, attori d'eccezione e qui strepitosi come Brenda Blethyn, Jim Broadbent e pure Luke Treadaway.
La semplicità di questa storia, è quella che ce la fa entrare nel cuore, nonostante gli spigoli da perbenista e altezzosa di Ethel,  nonostante il buonismo eccessivo di Ernest. Ma il loro amore, la loro famiglia, che affronta la depressione economica, la II Guerra Mondiale, i bombardamenti e l'esilio nelle campagne del figlio, l'arrivo della tecnologia, tra TV e telefono, il susseguirsi dei politici in Parlamento, ne fanno un'epopea moderna, quella che in Inghilterra la classe medio-borghese conosce un gran bene.


Sembra tanto, per un piccolo film, per una piccola storia, riuscire a condensare 50 anni di Storia e di vita assieme, e spesso sono piccole scene, piccoli sprazzi di vita domestica quelli che ci si propone, come fosse una versione fatta a film dell'inizio poeticamente perfetto di Up.
Chiusi in quella casetta affiancata e ordinata, che poco a poco, con aggiustamenti, ritocchi e occasioni, diventa una casa, con i disegni dai tratti lievi e bonari, con i colori pastello e caldi, ci si emoziona. E questi 50 anni volano, il piccolo Raymond cresce e a vista d'occhio, cambia, pure, mentre i genitori si fanno più anziani, mentre spuntano boccette di medicinali vicino al divano, affianco al letto, mentre la memoria si affievolisce e quel gatto nero che gira nel quartiere si fa indispensabile compagnia.
E allora, questa piccola storia che racchiude il grande amore di un figlio che lo sa che forse non tutto è andato così, che le sente già le critiche di una madre difficile ma amorevole, tocca corde profonde, tocca nella sua semplicità, nell'essere vera, ognuno di noi.
Perché a volte, si sa, sono le cose più piccole, come un piccolo seme, a regalare le emozioni più grandi.


Regia Roger Mainwood
Sceneggiatura Raymond Briggs
Musiche Carl Davis

4 commenti:

  1. Questo l'ho già messo da parte, e ha più priorità dell'Illusionista. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più priorità e più per noi, decisamente. Prepara i fazzoletti ;)

      Elimina
  2. Animazione + storia d'amore tra vecchini...
    Up sì mi era piaciuto, però questo mi sa che potrebbe essere troppo per me. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonismo ce n'è, e pure un personaggio in parte scomodo. Potresti odiarlo ma chi lo sa, magari il tuo cuore di pietra si scioglie definitivamente :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...