5 febbraio 2019

Old but Gold Netflix - Il Metodo Kominsky | Grace & Frankie s05

Il Metodo Kominsky

Si sa, un debole per i vecchini ce l'ho da sempre.
Per le comedy da qualche tempo.
Per le comedy di Netflix da quando hanno iniziato a produrle.
Ecco perché non ho esitato a godermi e macinare questa breve serie di soli 8 episodi con protagonisti due vecchini, che di vecchiaia parlano, in modo leggero e profondo.



Sandy Kominsky è un attore in disgrazia che si è riciclato in insegnante, trovando qui il successo, la fama. I suoi corsi sono frequentati da giovani aspiranti sognatori, sua figlia lo aiuta, le sue ex non vogliono più saperne. Affascinante e recalcitrante agli impegni, Sandy è uno scapolo d'oro. Tutto l'opposto il suo amico e agente, Norman, felicemente sposato con una donna perfetta ma malata terminale.
Così, mentre il primo scopre l'amore fra i suoi studenti, il secondo deve farsi forza per salutarlo.
Può una comedy farti piangere nello stesso momento per la commozione e per le risate?
Sì.
Così è questo metodo Kominsky, capace di stare al passo con i tempi, di prendersi gioco degli anni che passano, le malattie che aumentano, i controlli medici che si fanno invasivi.
Capace di sdoganare ancora una volta il sesso nella terza età, di parlare senza filtri e senza paure di morte. La sua forza è quindi nella scrittura, in quei tempi comici rispettati, in quella profondità che non ti aspetti tra un funerale e un primo appuntamento.
Con stoccatine alla Hollywood che fu e che è, con comparse che lasciano il segno (Danny DeVito proctologo, Patti LaBelle e Jay Leno) questo Metodo è a prova di bomba, e Michael Douglas e Alan Arkin, complici e amici, perfetti come non lo erano da tempo, sono la ciliegina sulla torta.

Voto: ☕☕☕☕/5

Grace & Frankie - Stagione 5

Le avevamo lasciate appena evase dall'ospizio, senza una casa in cui tornare, con i figli contro preoccupati dalla loro età e dagli acciacchi che avanzano.
Le ritroviamo su quella spiaggia, armate di tostapane e fiamma ossidrica a cercare di capire chi ha comprato la loro casa e come uscire dall'impasse.
Ovviamente, è solo il primo dei problemi che le due amiche/nemiche Grace e Frankie affronteranno in un'altra stagione ricca di avvenimenti, meno confusa e piena rispetto alla quarta, ma comunque affollata.


Come sempre, allora, le storylines e le vittorie delle due si susseguono fra rientri a lavoro, semafori da far allungare, dipendenze da combattere e amori da riconquistare.
I loro ex sono invece alle prese con Donchisciotte, ospiti indesiderati e cani da scegliere.
Infine i figli devono vedersela con la crisi lavorativa, il ritornano su piazza e un matrimonio da organizzare.
Carne al fuoco quindi ce n'è, così tanta che qualche pezzo si perde per strada e viene omesso. E c'è anche ripetitività -parecchia- con i contrasti e i litigi che portano ad un'altra rottura fra le due amiche/nemiche.
Ma se ne esce sempre con il sorriso sulle labbra, ché due come Grace e Frankie anche quando raccontano sempre le stesse cose, è un piacere ritrovarle per cena.

Voto: ☕☕½/5

2 commenti:

  1. Non so perché ma, grande bravura di Douglas e Arkin a parte, la serie non mi è piaciuta. Liquidata durante le famose cene, a dicembre, senza grande bisogno di parlane o scrivene. Se i toni agrodolce fanno effetto, al contrario mi ha lasciato un po' così l'umorismo più pecoreccio (vedasi il ditino di De Vito).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come da classifica di fine anno, hanno avuto vittoria facile, ma mi sono ritrovata più volte a piangere e ridere nello stesso momento (l'episodio al funerale una meraviglia). Insomma, ai vecchini in ogni situazione non so dire di no ;)

      Elimina